Superare i problemi di segnale con AmpliGSM

di Michele Laganà Commenta

AmpliGSM

Il gap tecnologico e di telecomunicazioni che divide l’Italia dal resto del mondo è risaputo. Molte zone ancora non sono coperte da segnale ADSL e navigare oltre i 7megabit è pura immaginazione per molti. Nonostante tutto ciò, le comunicazioni cellulari procedono a gran passo e l’avanzata della tecnologica di trasmissione LTE 4G è sempre più veloce, nonostante i vari problemi burocratici che le grandi aziende stanno riscontrando.

Sono sempre più le offerte proposte ai clienti per portare connessione Wi-Fi in casa partendo da un segnale cellulare. Con appositi modem è possibile catturare il segnale 3G o 4G e replicare la connessione dati all’interno dell’abitazione. In alcuni edifici, ci sono grossi problemi di ricezione, nonostante l’esterno il segnale sia più che buono. Questi problemi sono causati la maggior parte delle volte da pareti troppo spesse, da interferenze o più semplicemente dal fatto che l’edificio si trovi troppo in basso come per esempio piani seminterrati.

Per risolvere questo problema, stanno prendendo sempre più piede dei kit amplificatori 4G/3G disponibili anche online. Fra gli e-commerce più affermati nel settore c’è AmpliGSM, azienda romana che installa e rivende kit amplificatori per segnale cellulare. L’installazione di questi kit è semplice e rapida, composta da soli 4 pezzi, è possibile, con una spesa minima, risolvere i problemi di connessione all’interno degli edifici più problematici.

AmpliGSM rivende e spedisce in tutta Italia con tempi veloci e rapidi. L’acquisto è sicuro ed è possibile pagare direttamente con PayPal, garantendo affidabilità e sicurezza nelle transazioni. Una pagina installazione all’interno del sito web di AmpliGSM spiega com’è possibile installare in pochi passi un kit amplificatore completo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>