One UI 3.0 ritardata per Samsung Galaxy S10 e altri a causa del consumo elevato della batteria

di Gio Tuzzi Commenta

Si dovrà attendere ancora prima di ricevere l'aggiornamento in questione

Serve pazienza per il Samsung Galaxy S10 e per l’aggiornamento con One UI 3.0. Samsung ha sospeso il programma open beta One UI 3.0 per più di mezza dozzina dei suoi flagship Galaxy 2019 e 2020 a causa di alcuni problemi tecnici piuttosto allarmanti che sono venuti alla luce. Più specificamente, sembrerebbe che le attuali build sperimentali del primo sistema operativo mobile dell’azienda basato su Android 11 abbiano la tendenza a rovinare assolutamente la durata della batteria di qualsiasi dispositivo scadente sorpreso a eseguirle.

Samsung Galaxy S10

Le ultime su One UI 3.0 per il Samsung Galaxy S10

Per essere più precisi, il problema è stato segnalato per la prima volta da un certo numero di proprietari di Galaxy Note 10 che partecipano ai test in corso di Samsung, ma la decisione del produttore di posticipare indefinitamente ogni programma di test pianificato poco dopo aver esaminato le suddette affermazioni sembra indicare che questi problemi vadano oltre il 2019 gamma di smartphone dotati di stilo. Sfortunatamente, tutto questo sta accadendo solo pochi giorni dopo che il programma beta One UI 3.0 ha finalmente iniziato ad espandersi alla linea Galaxy Note 10 dopo molte anticipazioni.

I dispositivi interessati le cui beta di One UI 3.0 sono state ritardate o sospese a seguito di questo sviluppo includono l’intera famiglia dei Samsung Galaxy S10, entrambi i dispositivi della serie Galaxy Note 10, ogni membro della serie del Galaxy Z Flip e il Galaxy Z Fold 2. La decisione sul ritardo indefinito è stata confermata da un community manager Samsung sui forum ufficiali dei prodotti dell’azienda.

Oltre alla durata della batteria palesemente scarsa, gli utenti Galaxy Note 10 e Galaxy Note 10+ che eseguono la recente build beta One UI 3.0 si sono lamentati anche di arresti anomali delle app persistenti, incongruenze minori della S Pen e altri sospetti simili comunemente riscontrati durante l’esecuzione di software sperimentale.

Nel complesso, non c’è molto da fare a questo punto ma incrociare le dita nella speranza che Samsung arrivi a fondo di queste difficoltà tecniche in modo tempestivo e riprenda prontamente il programma beta One UI 3.0, che non era esattamente sulla buona strada per essere distribuita non solo a bordo dei Samsung Galaxy S10 qui in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>